ARTICOLO 1

rn

1. Ai fini del presente regolamento si intende per:nnnna) Comando: il Comando provinciale dei vigili del fuoco territorialmente competente;nnnnb) Direzione: la Direzione regionale o interregionale dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile;nnnnc) CTR: il Comitato tecnico regionale per la prevenzione incendi di cui all’articolo 22 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139;nnnnd) SCIA: la segnalazione certifi cata di inizio attività, ai sensi dell’articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, come sostituito dall’articolo 49, comma 4 -bis,del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, in cui la ricevuta della segnalazione costituisce titolo autorizzatorio ai sensi dell’articolo 38, comma 3, lettere e) ed f) ,del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;nnnne) SUAP: lo sportello unico per le attività produttive che costituisce l’unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva e fornisce una risposta unica e tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni,comunque coinvolte nel procedimento;nnnnf) CPI: Certificato di prevenzione incendi ai sensidell’articolo 16, comma 1, del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139.

rn