DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1° agosto 2011 , n. 151

rn

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICAnnnnVisto l’articolo 87, quinto comma, della Costituzione;nnVisto l’articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59,allegato 1, n. 14;nnVisto l’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;nnVista la legge 7 agosto 1990, n. 241;nnVisto l’articolo 49, commi 4 -bis , 4 -ter , 4 -quater e 4 -quinquies , del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modifi cazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122;nnVisto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, ed in particolare gli articoli 16, comma 7,20 e 23;nnVisto il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni;nnVisto l’articolo 25 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modifi cazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;nnVisto il decreto del Presidente della Repubblica del 26 maggio 1959, n. 689;nnVisto il decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37;nnVisto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e successive modifi cazioni;nnVisto il decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, n. 214;nnVisto il decreto del Ministro dell’interno in data 16 febbraio 1982, pubblicato nella Gazzetta Uffi ciale n. 98 del 9 aprile 1982;nnVisto il decreto del Ministro dell’interno in data 8 marzo 1985, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 95 del 22 aprile 1985;nnVisto il decreto del Ministro dell’interno in data 4 maggio 1998, pubblicato nella Gazzetta Uffi ciale n. 104 del 7 maggio 1998;nnVisto il decreto del Ministro dell’interno in data 3 febbraio 2006, pubblicato nella Gazzetta Uffi ciale n. 87 del 13 aprile 2006;nnVisto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 22 gennaio 2008, n. 37;nnAcquisito il parere del Comitato centrale tecnico-scientifico per la prevenzione incendi, di cui all’articolo 21 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, espresso nella seduta del 23 febbraio 2011;nnSentite le associazioni imprenditoriali;nnVista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 3 marzo 2011;nnUdito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione consultiva per gli atti normativi, nell’adunanza del 21 marzo 2011;nnAcquisito il parere delle competenti Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;nnVista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 22 luglio 2011;nnSulla proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, del Ministro dell’interno, del Ministro per la semplifi cazione normativa e del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze;nn

rn