Fattore di rischio organizzativo

rn

Questo fattore è riconducibile, sostanzialmente, a una mancata pianificazione e organizzazione dei lavori in ambienti confinati.nnIn altri termini, i lavori in ambienti confinati non possono mai essere improvvisati, ma devono vedere la partecipazione di vari soggetti aziendali, ognuno con un preciso compito e una precisa responsabilità:nn• valutazione dettagliata dei rischinn• definizione della squadra di operai incaricata dei lavorinn• designazione del prepostonn• verifica delle capacità professionali dei lavoratorinn• scelta delle attrezzature e dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI)nn• pianificazione operativa di dettaglio delle attivitànn• designazione del lavoratore che dovrà rimanere all’esterno a sorvegliare i lavorinn• pianificazione della procedura di emergenza per il soccorso e l’evacuazione di un lavoratore infortunato etc.nnScopo dell’organizzazione, tra l’altro, è quello di prevedere, per quanto possibile, ogni imprevisto e ogni pericolo, in modo da essere preparati ad affrontarli, senza pericolose improvvisazioni.

rn