SICURWEB Demo
Moduli Sicurweb
Tutorial Sicurweb

tutorialsicurweb
Intestazione

»Modelli semplificati, Macchine agricole, Bando Isi INAIL 2014
Newsletter 3 Luglio 2015
»Adozione del modello semplificato e unificato per la richiesta di autorizzazione unica ambientale
DECRETO 8 maggio 2015
»Revisione generale delle macchine agricole
Le macchine agricole sono sottoposte alla revisione generale a far data dal 31 dicembre 2015


Data di pubblicazione: Fri, 03 Jul 2015 18:19:41 +0200

»Spettacoli musicali, cinematografici, teatrali e di manifestazioni fieristiche alla luce del Decreto Interministeriale 22 luglio 2014
Istruzioni operative tecnico – organizzative per l'allestimento e la gestione delle opere temporanee ...
»D lgs 81 Dicembre 2014
Pubblicato dal ministero del lavoro il nuovo D lgs 81 aggiornato a Dicembre 2014
»I detergenti I biocidi Cos’è il radon Scale portatili e sgabelli La salute e la sicurezza del bambino I farmaci chemioterapici antiblastici
Ecco le principali classifiche in ITALIA
»APP più utilizzate sui dispositivi mobile
Google Search, YouTube, Google Play, Google Maps e Gmail. Seguono Facebook Messenger, Google+ ed In ...
»SEAS software gratuito per la diagnosi energetica degli edifici
Il software sarà reso disponibile gratuitamente
»Modelli decreto palchi e fiere
Decreto palchi e fiereL’applicazione del Titolo IV (Cantieri temporanei e mobili) del Testo Unico Si ...
»Modelli semplificati POS PSC
Articolo 104-bis
»Guida cantieri temporanei e mobili, UNI EN ISO 9001, Infortunio sul lavoro e responsabilità del direttori dei lavori,
News sicurezza lavoro e cantieri
»SENTENZA D lgs 231
sentenza n. 10265 emessa dalla Sezione V della Corte di Cassazione Penale, pubblicata il 4.3.2014,
»Guida per il committente e per il responsabile lavori
committente e responsabile lavori


Data di pubblicazione: Fri, 03 Jul 2015 17:19:42 +0200
Sicurweb Registrazione Demo

demo.png
Manuale PDF

manuale.png
Feed RSS
Le news possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf


mercoledì 16 maggio 2012
Modello di valutazione del rischio da esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni
16 mag : 10:46  da ohsas18001

Ai fini della protezione da agenti cancerogeni e mutageni (Titolo IX – Sostanze Pericolose, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.), il datore di lavoro che utilizza agenti cancerogeni/mutageni, quali definiti dall’art. 234, è tenuto, ai sensi del successivo art. 235, ad evitare o ridurre l’utilizzazione dell’agente cancerogeno o mutageno sul luogo di lavoro, mediante le seguenti misure, indicate in ordine prioritario e tutte strettamente correlate alla loro effettiva fattibilità tecnica:
• sostituzione dell’agente con altro agente che, nelle condizioni in cui viene utilizzato, non risulta nocivo o risulta meno nocivo per la salute e la sicurezza dei lavoratori;
• impiego di un agente in un sistema chiuso purché tecnicamente possibile;
• riduzione dei livelli di esposizione dei lavoratori al più basso valore tecnicamente possibile.
L’esposizione
non deve comunque superare il valore limite dell’agente stabilito nell’Allegato XLIII.
Al riguardo si evidenzia che tali obblighi non possono prescindere dalla valutazione del rischio di cui agli art. 17 e 236, quando è necessaria la individuazione delle condizioni in cui gli agenti sono utilizzati o la valutazione dell’entità del rischio cui il lavoratore è potenzialmente esposto nell’esercizio delle proprie specifiche attività.
La metodologia di valutazione che si vuole proporre per l’individuazione del livello di esposizione dei lavoratori alle sostanze cancerogene/mutagene studiato per l’applicazione nei laboratori del Sistema Agenziale ISPRA, ARPA e APPA, rispecchia (con alcune modifiche) le indicazioni del modello pubblicato sul Giornale degli Igienisti Industriali – vol. 33 - n. 3 – luglio 2008 “Valutazione dell’esposizione ad agenti cancerogeni/mutageni nei laboratori di ricerca: sistema integrato tra checklist, sopralluoghi e uso di algoritmi ”.
Nel caso dei laboratori, va tenuta in debita considerazione la particolarità di tali ambienti lavorativi caratterizzati dall’utilizzo generalmente occasionale, in piccole quantità e per breve tempo, di un numero esiguo di composti e preparati cancerogeni/mutageni.
In tali luoghi, più che con riscontri derivanti da misurazioni ambientali, risulta più idoneo una metodologia teorico-pratica (algoritmo) che consenta di ottenere, in modo semplificato, una puntuale valutazione dell’esposizione.
La metodologia sviluppata è in grado di determinare il livello di rischio espositivo dovuto ad un singolo agente
e/o a più agenti.


Stampa veloce crea pdf di questa news